[DIARIO] Cafayate:slow life, paesaggi mozzafiato e buon vino

image

Arriviamo a Cafayate insieme a un numero imprecisato di altri mochileros che stanno facendo il nostro stesso percorso. María José viene a prenderci nella graziosa piazzetta del paese: per noi è la prima volta come couchsurfers ma lei e il suo compagno, Alvaro, hanno ospitato già parecchi viaggiatori. A casa infatti troviamo un’altra ospite, Valeria dal Brasile, e passiamo la serata mangiando una deliziosa torta salata, bevendo buon vino e chiacchierando. Il giorno successivo andiamo alla scoperta del paese, cresciuto a dismisura dopo che la Quebrada de Cafayate è diventata una delle mete turistiche principali della zona. Ci ritroviamo a curiosare in un museo archeologico privato dove la moglie del defunto proprietario ci fa sentire un po’ come a scuola con una professoressa severa. Nel pomeriggio partiamo con un tour organizzato alla scoperta della Quebrada, che letteralmente significa “fiume tra due montagne”: la nostra guida è simpaticissima e iperpreparata e per sei ore ci fa arrampicare e camminare circondati da montagne dai mille colori e formazioni rocciose dalle forme curiose. Come ogni cosa qui, anche i tour si caratterizzano per ritmi estremamente lenti e non hanno nulla degli standard sulla sicurezza europei. Ci divertiamo come matti facendo la conoscenza dei nostri compagni di viaggio, tra cui francesi e tedeschi carinissimi. Torniamo a casa esausti ma con bene impressi negli occhi e nella memoria i paesaggi indescrivibili che abbiamo visitato, la cui bellezza è impossibile da indovinare guardando le foto. Tra le persone che abbiamo conosciuto, meritano di essere menzionati Manuel Cruz, l’artigiano criptico che vive in una casa a forma di lama, lo chef di una rosticceria che ha avuto come maestro un cuoco italiano bestemmiatore e il tour operator che ci ha convinti a fare l’escursione (un venditore nato!). Prossima tappa: Salta la linda!

Valentina 11/03/2016

image

image

image

image

image

image

image

image

image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...